ESTATE 1980

Paul Cezanne: In the woods – 1898

20140621-133340-48820919.jpg

La storia del giorno: sabato 21 giugno.

Luigino aveva caldo ed era annoiato.
La nonna andò da lui, gli scompigliò i capelli e poi si mise a raccontare…

La storia cominciò.

Quell’anno l’Estate non venne.
Nei campi i raccolti non maturavano, al mare gli albergatori scrutavano il cielo e scuotevano la testa; i bambini guardavano con desiderio l’acqua distendersi ondeggiando dinnanzi a loro, con i salvagenti abbandonati nelle cabine, mentre le loro mamme erano irremovibili: niente bagno fino all’arrivo dell’Estate.
Nelle vetrine gli sgargianti vestiti leggeri giacevano abbandonati.

Ma l’Estate dov’era finita?

Una delegazione di bambini si recò nel giardino di una vecchia villa, trasformato in parco comunale, per chiedere l’aiuto a un elfo loro amico. L’elfo non perse tempo e partì alla ricerca dell’Estate.

Giunse alla terra dei suoi avi. Fin da lontano udì i loro dolcissimi canti di gioia e scoprì che l’Estate si era innamorata tra l’oro delle foglie che lievemente cadevano dagli alberi. Si era rifugiata col suo Amore in una terra nascosta, fra i cespugli di una foresta antichissima e stava per dare alla luce un magnifico bambino. Così, mentre il suo bimbo stava crescendo nel suo ventre, non si era potuta recare al lavoro

Allora l’elfo decise di tornare. Compose molte canzoni di attesa e speranza nel suo viaggio verso casa, e i piccoli animali si univano alla felicità dei suoi canti.

Gli uomini non capirono e, testardi, restarono invano alla finestra per vedere arrivare l’ Estate, sordi alle voci festose che a luglio invasero l’aria e annunciarono il lieto evento.

Ci fu grande confusione in quei giorni, la natura sembrava impazzita e, invano, le madri cercavano di decifrare i gorgoglii felici dei neonati nella carrozzine.

L’ Estate quell’anno non venne perchè era troppo occupata col suo bambino: tornò l’anno successivo più splendente che mai e da allora illuminò i mesi estivi di nuova luce….

…ma gli uomini ancora oggi non hanno capito perchè quell’anno l’Estate non venne e il mistero non fu mai svelato perchè i bambini di allora, non appena iniziarono a parlare, si dimenticarono la gioia che aveva investito l’aria in quei lontani giorni di luglio….

09/07/1980
Immagine tratta dal sito: http://www.wikiart.org/en/paul-cezanne/in-the-woods-1898

Annunci